Conosci la Mucca Pisana?

Razza Mucca Pisana

Dati storici

Originaria della bassa Valle del Serchio in provincia di Pisa, la Mucca Pisana o "Mucco" deriva da una serie di incroci, avvenuti anche recentemente, che nel tempo ne hanno modificato le caratteristiche morfologiche e le attitudini produttive. Le prime testimonianze risalgono agli inizi del 1800 e l'ipotesi più probabile è che derivi dagli incroci tra Bruna Alpina svizzera (Svitto, Schwyz) e popolazioni locali di Chianina di pianura (animali dalla grande mole adatti al lavoro ed alla produzione di carne), anche se altre correnti di pensiero la associano all'introduzione della razza Luganese a mantello nero.

Negli anni si sono susseguiti incroci con altre razze, come ad esempio con la Frisona Olandese allo scopo di migliorare l'attitudine lattiera.

Oggi, tuttavia, risulta particolarmente evidente l'incrocio con tori chianini, vista la residua attitudine della razza alla produzione della carne.

Allevata principalmente a stabulazione fissa, si presta per la sua grande adattabilità e rusticità anche all'allevamento semibrado.

Le carni risultano particolarmente apprezzate visti la grana fine, le limitate infiltrazioni di grasso, il ridotto contenuto di grassi e il buon tenore in ferro.

Standard di razza

1. AREA DI ORIGINE

Regione Toscana

2. ATTITUDINE

Prevalente da carne.

3. CARATTERI TIPICI

Taglia: grande.

Mantello e pigmentazione: nelle femmine castano uniforme che varia da soggetto a soggetto, dal castano chiaro al castano scuro. Riga dorsale rossiccia denominata "spigatura"; nei maschi la colorazione è più scura definibile come marrone focato; regione mammaria, perianale e perivulvare color fulvo chiaro; la cute, di color grigio, e ben mobile, apprezzabile alla spalla, alla grassella e alla natica. Femmine: robusta ma non grossolana, sottile e gentile (specie nella linea latte) nella regione dell'attacco posteriore della mammella; maschi: più spessa con pelame ondulato.

Testa: vacche - profilo diritto e leggermente convesso; occhi e orecchie grandi; narici ampie e color ardesia; musello largo e di colore ardesia; mascelle potenti e corte; corna non molto grandi, dirette in fuori, in avanti e leggermente in basso; colore giallastro alla base e nere verso la punta; tori - fronte ampia, riccioluta; corna più corte e tozze e di colore tipico.

Anteriore: vacche - collo lungo, robusto; garrese muscoloso e pieno; spalle lunghe e muscolose; petto profondo lungo; arti muscolosi e potenti; piedi robusti con unghielli di color nero; tori - collo corto, massiccio e muscoloso ricco di pelle con molte pliche e abbondante giogaia; garrese rotondo e pieno; spalle e petto molto potenti.

Linea dorsale: orizzontale e regolare, piena e muscolosa; ben raccordata.

Groppa: larga a profilo inclinato; coda sottile di lunghezza tale da non superare la punta del garretto, fiocco castano scuro.

Arti posteriori: appiombi regolari; coscia lunga, carnosa; garretti forti e asciutti; piedi molto robusti; pastoie diritte e robuste.

Caratteri sessuali: vacche - mammella voluminosa, spugnosa e morbida; quarti con legamento centrale forte e sostenuto; vene con vascolarizzazione evidente, molto estesa e ramificata; tori - scroto di colore giallo-rosato, senza macchie, prepuzio pronunciato e ricco di peli.

Difetti morfologici: assenza della riga rossiccia; orlo degli occhi e il contorno del musello scuri; corna portate in alto e all'indietro; presenza di macchie sullo scroto; taglia, mantello e pigmentazione marcatamente diverse da quelle tipiche.

4. DIFETTI CHE COMPORTANO L'INIBIZIONE ALLA RIPRODUZIONE

Assenza della riga rossiccia (spigatura);
Presenza di macchie sullo scroto;
Mantello e pigmentazione marcatamente diverse da quelle tipiche.