Conosci la Sardo Modicana?

Razza Sardo Modicana

Dati storici

La razza Sardo Modicana deriva dall'incrocio fra tori di razza Modicana, la cui importazione dalla Sicilia ebbe inizio sul finire del 1800, e le vacche Sarde della Sardegna centro-meridionale allo scopo di migliorare l'attitudine al lavoro di queste ultime.

Questi incroci si protrassero fino al 1950, trasformando la razza Sarda già allevata in pianura e sulle montagne dell'area Sud-Occidentale in una nuova popolazione, molto simile per caratteristiche alla razza Modicana, chiamata Sardo-Modicana.

La meccanizzazione agricola ha determinato una rapida contrazione numerica della razza ed ha fatto sì che le vacche Sardo-Modicane subissero una conversione verso la produzione della carne, con conseguente riduzione della taglia e l'aumento dei diametri traversi.

Nonostante ciò la razza, insieme alla Sardo-Bruna, garantisce una discreta produzione di latte destinato al consumo alimentare o alla caseificazione (Casizolu, Fresa, Trizza).

Standard di razza

1. AREA DI ORIGINE

Regione Sardegna

2. ATTITUDINE

Carne

3. CARATTERI TIPICI

Taglia: media-grande.

Mantello e pigmentazione: pelle variamente pigmentata; mantello fromentino di tonalità variabile dal rosso chiaro (soprattutto nelle femmine) allo scuro vinoso (prevalentemente nei maschi).

Testa: profilo rettilineo o leggermente montonino; occhi grandi e vivaci; orecchie di media grandezza; narici larghe; musello ampio di colore nero; mascelle forti e robuste; corna a lira o a mezzaluna.

Anteriore: collo sottile nelle femmine e muscoloso nei maschi; garrese rilevato; spalle ampie; petto di media ampiezza; arti robusti e asciutti con appiombi regolari; piedi con unghioni resistenti.

Linea dorsale: con prominenza lombo-sacrale; lombi robusti.

Groppa: spiovente e leggermente inclinata; attacco della coda alto; coda lunga con fiocco abbondante.

Arti posteriori: appiombi regolari; coscia asciutta nella femmine, muscolosa nei maschi; garretti robusti; piedi con unghioni resistenti; pastoie di media lunghezza.

Caratteri sessuali: quarti regolari; capezzoli ben disposti e di media grandezza; vene perimammarie di norma poco rilevate, più evidente quello sottocutanee addominali.

Difetti morfologici: pezzatura del mantello; sproporzionata deficienza muscolare della parte posteriore del corpo; taglia, mantello e pigmentazione marcatamente diverse da quelle tipiche.

4. DIFETTI CHE COMPORTANO L'INIBIZIONE ALLA RIPRODUZIONE

Pezzatura del mantello;
Mantello e pigmentazione marcatamente diverse da quelle tipiche.